Eritrean Airlines

Eritrean Airlines
Logo
Boeing 737-3Z0 'UR-CNF' Eritrean Airlines (21868476506).jpg
StatoEritrea Eritrea
Forma societariaSocietà per azioni
Fondazionemaggio 1991 a Asmara
Sede principaleAsmara
SettoreTrasporto
Prodotticompagnia aerea
Slogan«Gateway to Africa
Sito webwww.eritrean.aero/
Compagnia aerea di bandiera
Codice IATAB8
Codice ICAOERT
Indicativo di chiamataERITREAN
Primo voloaprile 2003
HubAsmara
Flotta1 (nel 2021)
Destinazioni4 (nel 2021)
Voci di compagnie aeree presenti su Wikipedia

L'Eritrean Airlines è la compagnia aerea di bandiera dell'Eritrea, completamente gestita dal governo. Essa offre servizio aereo da e per l'Europa, l'Africa ed il Medio Oriente ed ha in programma l'acquisizione di nuovi aeromobili e l'avvio di nuove tratte intercontinentali. Il suo hub è l'aeroporto Internazionale di Asmara.[1][2]

A meno che non operi in wet lease, la compagnia aerea fa parte della lista dei vettori aerei soggetti a divieto operativo nell'Unione europea, e pertanto non può volare nel suo spazio aereo.[3]

Storia

La compagnia venne nominalmente istituita nel maggio 1991, servendo come agente di assistenza a terra all'aeroporto Internazionale di Asmara e ad Assab e Massawa.[4] Agiva anche come agente di vendita per altre importanti compagnie aeree che volavano in Eritrea. Nel maggio 2002 venne decisa l'espansione nei servizi aerei. Nell'aprile 2003, un Boeing 767-300ER di 14 anni ex-EgyptAir venne noleggiato dalla Boeing e utilizzato per avviare le operazioni tra Asmara e Amsterdam.[5][6] Fu il primo aereo di cui la compagnia aerea prese possesso e fu chiamato Queen Bee.[7] Il Boeing 767 venne sostituito da un Airbus A320 nel 2006, da un Boeing 757 all'inizio del 2007 e da un MD-83 alla fine dello stesso anno.

Nell'aprile 2003, Eritrean Airlines avviò servizi regolari tra Asmara e Francoforte, Milano, Nairobi e Roma.[4][8] Nel 2004, la compagnia aggiunse Amsterdam come altra destinazione e nel 2005 iniziarono i servizi per Gibuti e Dubai. Nel frattempo, la rotta verso Nairobi venne abbandonata. Nel 2006, i voli per Amsterdam furono abbandonati mentre i voli per Milano rimanevano stagionali. Il 21 settembre 2006, Eritrean Airlines stipulò un accordo con il governo pakistano per avviare voli diretti tra l'Eritrea e il Pakistan. La compagnia ricevette il permesso dall'Autorità per l'aviazione civile del Pakistan di avviare due voli a settimana ciascuno per Karachi e Lahore.[9] Il servizio, con scalo a Dubai, veniva operato quattro volte a settimana su ciascuna rotta.

La compagnia annunciò nel 2008 che avrebbe iniziato i servizi stagionali per Bamako, per i viaggiatori dello Hajj.[10] I voli per Gibuti sono stati interrotti alla fine del 2008 a causa delle rinnovate tensioni lungo il confine tra i due paesi e i voli per Francoforte sono stati cancellati nell'estate del 2009.[11]

Nel giugno 2011, un alto funzionario del ministero degli Esteri eritreo ha affermato che il governo degli Stati Uniti aveva esercitato pressioni vietando alle società di noleggiare aerei in Eritrea. Ha affermato che Washington stava ricorrendo a tali atti illegali come parte dei suoi ostili tentativi di irrigidire le sanzioni anti-Eritrea, in un momento in cui il governo eritreo era impegnato nell'acquisto e nel leasing di aerei passeggeri sotto la nuova gestione pakistana.[12]

Eritrean Airlines ha ripreso le operazioni il 16 luglio 2011. Ha inoltre introdotto una nuova livrea sul primo A320 ricevuto, utilizzato per il servizio inaugurale per Dubai e Lahore. In ottobre è stato aggiunto un secondo A320 e sono stati lanciati i voli per Karachi. Il vettore prevedeva inoltre di ripristinare i servizi nazionali una volta che la flotta Dornier attualmente immagazzinata fosse stata resa idonea al volo. I piani di flotta a lungo termine includevano l'introduzione di aeromobili a fusoliera larga come l'Airbus A330, nonché nuovi Boeing 737.

Flotta

Flotta attuale

A marzo 2021 la flotta di Eritrean Airlines è così composta[13]:

Aereo In flotta Ordini Passeggeri Note
F Y Totale
Boeing 737-300 1 8 120 128 In leasing da Yanair.[14]
Totale 1

Flotta storica

Eritrean Airlines operava in precedenza con i seguenti aeromobili[13]:

Aereo Esemplari Inserimento Dismissione Note
Airbus A319-100 2 2012 2018
Airbus A320-200 3 2011 2015
Airbus A321-100 1 2017 2017
Boeing 757-200 1 2007 2007
Boeing 767-200ER 1 2004 2013 In storage.
Boeing 767-300ER 1 2003 2005
McDonnell Douglas MD-83 2 2006 2008

Note

  1. ^ (EN) Eritrean Airlines Airline Profile | CAPA, su centreforaviation.com. URL consultato il 3 aprile 2021.
  2. ^ (EN) Eritrean Airlines and NasAir Merged | .:TesfaNews:., su web.archive.org, 11 ottobre 2011. URL consultato il 3 aprile 2021 (archiviato dall'url originale l'11 ottobre 2011).
  3. ^ (EN) Harro Ranter, Aviation Safety Network > ASN Aviation Safety Database > Operator index > Eritrea > Eritrean Airlines, su aviation-safety.net. URL consultato il 3 aprile 2021.
  4. ^ a b (EN) allAfrica.com: Eritrea: Eritrean Airlines Takes Off Next Month, su web.archive.org, 22 agosto 2003. URL consultato il 3 aprile 2021 (archiviato dall'url originale il 22 agosto 2003).
  5. ^ (EN) African airlines add 767s for European flights, su web.archive.org, 22 febbraio 2017. URL consultato il 3 aprile 2021 (archiviato dall'url originale il 22 febbraio 2017).
  6. ^ (EN) Boeing: Eritrean Airlines Begins Operations with a New Boeing 767, su web.archive.org, 15 gennaio 2013. URL consultato il 3 aprile 2021 (archiviato dall'url originale il 15 gennaio 2013).
  7. ^ (EN) Eritrean Airlines, su www.eritrea.be. URL consultato il 3 aprile 2021.
  8. ^ (EN) Asmara International Airport, Bologna, su vymaps.com. URL consultato il 3 aprile 2021.
  9. ^ (EN) People's Daily Online -- Pakistan, Eritrea to start direct flight, su en.people.cn. URL consultato il 3 aprile 2021.
  10. ^ (EN) allAfrica.com: Eritrean Airlines Begins Flight to Mali to Transport Haj Travelers of the Islamic Faith From West Africa to Saudi Arabia, su web.archive.org, 9 ottobre 2012. URL consultato il 3 aprile 2021 (archiviato dall'url originale il 9 ottobre 2012).
  11. ^ (EN) Eritrean Appears in German Court for Killing Nigerian, su web.archive.org, 7 ottobre 2011. URL consultato il 3 aprile 2021 (archiviato dall'url originale il 7 ottobre 2011).
  12. ^ (EN) Senior Official Exposes Washington’s Pressure To Undermine The Work Plans Of Eritrean Airlines |, su web.archive.org, 16 marzo 2012. URL consultato il 3 aprile 2021 (archiviato dall'url originale il 16 marzo 2012).
  13. ^ a b (EN) Eritrean Airlines Fleet Details and History, su www.planespotters.net. URL consultato il 3 aprile 2021.
  14. ^ Marche UR-CNF.

Altri progetti

Collegamenti esterni

This page is based on a Wikipedia article written by contributors (read/edit). Text is available under the CC BY-SA 4.0 license; additional terms may apply. Images, videos and audio are available under their respective licenses. Cover photo is available under CC BY 2.0 license.